POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 11 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

immissioni acustiche | 24 Ottobre 2016

Forma del reclamo contro l’ordinanza cautelare e “normale tollerabilità” delle immissioni acustiche

di Enrico Losito

Anche ove si intendesse qualificare il reclamo come atto proveniente da parte già costituita, o atto endoprocessuale, non esistendo alcuna norma che sanzioni con l'inammissibilità il deposito degli atti introduttivi in forma diversa da quella telematica, se la costituzione in via cartacea è conforme alle prescrizioni di legge che la disciplinano, in virtù dei principi di libertà delle forme e del raggiungimento dello scopo, la parte che si costituisca per tale via non può essere sanzionata.

(Tribunale di Trani, sez. II Civile, ordinanza n. 3551/16; depositata il 5 settembre)

Lo ha affermato il Tribunale di Trani, con l’ordinanza n. 3551/16, depositata il 5 settembre nella quale è stato inoltre chiarito che, in tema di emissioni acustiche, la rumorosità risulta non accettabile se il livello differenziale...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.