POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 14 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

PCT - prassi | 24 Ottobre 2016

PCT: avanti tutta! I dati del Ministero aggiornati al 30 settembre

Pubblicati dal Ministero della Giustizia i dati aggiornati al 30 settembre 2016 sul Processo Civile Telematico, ancora in crescita rispetto al 2015, che ha portato lo Stato ad un risparmio di €63 milioni, grazie alle oltre 18 milioni di comunicazioni telematiche effettuate da Tribunali, Corti d’appello e Corte di Cassazione.

Il Ministero della Giustizia ha diffuso i dati sullo stato dell’arte del Processo Civile Telematico, aggiornati al 30 settembre 2016.

Depositi telematici. Per ciò che riguarda i depositi telematici effettuati da parte di avvocati e professionisti, da ottobre 2015 a settembre 2016 sono stati ricevuti 7.739.518 atti: il 21% in più rispetto a settembre 2015. Dalle medie mensili inoltre risulta una crescita del 55% del periodo ottobre 2015 – settembre 2016, rispetto allo stesso periodo degli anni 2014 – 2015. L’incremento è avvenuto per tutte le diverse categorie di atti: +17% per gli atti endoprocedimentali, +50% per gli atti introduttivi e +5% per i ricorsi per decreto ingiuntivo.

Pubblici elenchi. Per ciò che concerne poi il Registro Generale degli Indirizzi Elettronici, su oltre 200.000 avvocati iscritti, il 93% è dotato di un indirizzo PEC.

Procedimenti nativi digitali. Trend positivo confermato anche per i provvedimenti nativi digitali depositati dai magistrati: gli oltre 4 milioni di atti depositati tra ottobre 2015 e settembre 2016 confermano, anche in questo caso, il 21% in più di depositi rispetto ai dati rilevati a settembre 2015, con un aumento del 37% risultante dal confronto delle medie mensili.

Consultazione on-line e app mobile. Dati positivi, infine, anche per ciò che riguarda la consultazione on-line di dati e fascicolo: oltre 6 milioni di accessi al giorno, con possibilità di consultazione anonima anche via App mobile



Qui i dati relativi al Processo Civile Telematico aggiornati al 30 settembre 2016