Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 30 maggio 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

giustizia civile | 23 Agosto 2016

Online i dati della giustizia civile del secondo trimestre 2016

Pubblicati il 17 agosto 2016 sul sito giustizia.it i dati relativi al secondo trimestre di monitoraggio ministeriale sulla giustizia civile su pendenze, arretrato, durata e mediazioni.

I dati. Sono online – e con ottimi risultati! - sul sito internet del Ministero della Giustizia i dati del monitoraggio ministeriale relativi al secondo trimestre del 2016. Gli indicatori in esame – pendenze, arretrato, durata e mediazioni – si confermano tutti positivi. Per il Ministro della Giustizia Orlando, infatti, «la cura per la giustizia civile continua a produrre effetti positivi e migliora il settore in efficienza e performance».

In calo il numero dei procedimenti, l’arretrato e la durata. Sono molto calati rispetto al primo trimestre i procedimenti pendenti al 30 giugno 2016 – ben al di sotto della soglia dei 4 milioni – e le pendenze in tema di esecuzioni e fallimento (557.498).
In discesa anche l’arretrato dei procedimenti ultra-triennali in tribunale, ora a quota 447.375.
Scende anche il dato sulla durata effettiva dei procedimenti in tribunale: 992 giorni nel primo semestre 2016, confermato al di sotto dei 1000 giorni; così come l’indice complessivo di durata di tutti gli affari di tribunale: dai 487 del 2014 si è passati a 390 giorni nel 2016.

In aumento le mediazioni civili e commerciali. Infine, si conferma in aumento il dato sulle mediazioni civili e commerciali, che supera le 52mila unità (e che nel 2015 aveva sfiorato le 200mila iscrizioni).