POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 20 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

PCT - giurisprudenza | 26 Maggio 2016

Pignoramento ammissibile anche se manca il deposito telematico dell’attestazione di conformità

Esaminata l’eccezione di inefficacia del pignoramento presentata dal debitore che lamentava il mancato tempestivo deposito telematico dell’attestazione di conformità dell’atto.

(Tribunale di Bari, ordinanza depositata il 4 maggio 2016)

Se ne è occupato il Tribunale di Bari con l’ordinanza del 4 maggio 2016.

Il caso. Investito di un’istanza di sospensione dell’esecuzione mobiliare, il Tribunale di Bari ha analizzato le eccezioni presentate dal debitore opponente. In particolare, il giudice si è soffermato sull’eccezione di inefficacia del pignoramento a causa del mancato inserimento dell’attestazione di conformità nel verbale depositato telematicamente.

Il tardivo deposito telematico dell’attestazione di conformità non rende il pignoramento inammissibile. Il giudice rileva che l’art. 543, comma 4, III periodo, c.p.c. distingue la problematica dell’attestazione di conformità delle copie degli atti depositati telematicamente da quella dell’inefficacia del pignoramento per tardivo deposito delle stesse. La tardività o inefficacia può essere ricollegata solo al mancato deposito nella nota di iscrizione e delle copie autentiche di citazione, titolo esecutivo e precetto, non richiamando, invece, tra gli atti da depositare a pena di inammissibilità nel termine prescritto, anche l’attestazione di conformità. Ne consegue che il loro eventuale deposito oltre il termine deve rimanere irrilevante.
Per questi motivi, il Tribunale rigetta l’istanza di sospensione dell’esecuzione.

(Fonte: www.ilprocessotelematico.it)