POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 19 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

adr | 08 Marzo 2016

Da via Arenula una Commissione per “riordinare” la mediazione stragiudiziale

Con un comunicato stampa pubblicato sul sito istituzionale, in data 8 marzo 2016, il Ministero della Giustizia ha reso nota la costituzione, presso il proprio l’Ufficio legislativo, di una Commissione di studio per l’elaborazione di una riforma organica degli strumenti stragiudiziali di risoluzione delle controversie.

Finalità: l’armonizzazione del quadro normativo. Il Dicastero di Via Arenula ha comunicato la creazione, presso il proprio l’Ufficio legislativo, di una Commissione di studio che collabori per una riforma organica degli strumenti stragiudiziali di risoluzione delle controversie.
La finalità dell’intervento di cui sopra è quella di armonizzare e razionalizzare il quadro normativo in materia, in considerazione della coesistenza di forme eterogenee di strumenti negoziali, creatasi a seguito di ripetuti interventi legislativi che si proponevano di favorire una «cultura della conciliazione».
Scopo della Commissione, quindi, è quello di elaborare, entro il 30 settembre 2016, una disciplina organica e di riforma, concernente gli strumenti di degiurisdizionalizzazione (mediazione, negoziazione assistita, arbitrato).