Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 25 luglio 2016
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

PCT - legislazione | 01 Marzo 2016

Processo Civile Telematico: arriva il Testo Unico sul PCT

La Commissione Giustizia alla Camera ha dato il suo ok al disegno di legge delega di Riforma del processo civile approvando – fra gli altri – un emendamento dedicato al processo civile telematico.

Il legislatore, nel quadro di una più ampia riforma del processo civile, dedica un’attenzione particolare al tema della sua digitalizzazione al punto di prevedere l’emanazione di TESTO UNICO in materia di processo civile telematico, comprendente, in un unico contesto e con le opportune evidenziazioni, le disposizioni legislative e regolamentari.
Si prevede, altresì, un adeguamento delle norme processuali all'introduzione del processo civile telematico, anche mediante l'inserimento nel codice di procedura civile delle relative norme di attuazione, che esaminiamo punto per punto.

Deposito telematico: si prevedono interventi finalizzati a
- individuare le modalità di deposito telematico degli atti processuali e dei documenti;
- rilasciare l’attestazione di avvenuto deposito in via automatica da parte del sistema informatico al momento del caricamento degli atti processuali e dei documenti;
- individuare i casi in cui il giudice assicura il deposito telematico dei propri provvedimenti, in particolare al fine di consentire le rilevazioni statistiche o per evitare il pericolo di falsificazione dei provvedimenti di autorizzazione al prelievo di somme di denaro vincolate all'ordine del giudice.

Identificazione e autenticazione: si prevedono interventi finalizzati a rendere conformi le modalità di identificazione e autenticazione degli utenti al sistema pubblico di identità digitale.

Rimessione dei termini: si prevedono interventi finalizzati a
- definire un sistema di monitoraggio della funzionalità e delle interruzioni del sistema informatico, con automatica rimessione in termini delle parti processuali per l'ipotesi di impossibilità di rispetto di termini processuali generata da mancata funzionalità del sistema informatico del Ministero della Giustizia, che non consenta alla parte di caricare il caricamento degli atti processuali e dei documenti.

Modelli di atti informatici: si prevedono interventi finalizzati a
- elaborare uno schema informatico per la predisposizione degli atti processuali che, ferma restando l'immodificabilità del loro contenuto informativo, consenta:

- l’agevole fruizione sulla maggior parte degli strumenti informatici indipendentemente dalle dimensioni dell'apparato di visualizzazione;
- la fruizione attraverso gli apparati informatici ad ausilio delle persone diversamente abili;
- la creazione di collegamenti ipertestuali tra varie parti del testo, con i documenti prodotti, con risorse esterne;
- l'inserimento di immagini, filmati, tracce sonore.

Sanzioni per il mancato rispetto delle specifiche tecniche: si prevede che
- NON saranno applicate sanzioni processuali sulla validità degli atti per il mancato rispetto delle specifiche tecniche sulla forma e sullo schema informatico dell'atto, quando questo abbia comunque raggiunto lo scopo;
- saranno applicate sanzioni pecuniarie a carico della parte, quando gli atti difensivi, anche se sottoscritti da un difensore, redatti in difformità delle specifiche tecniche, che ledono l'integrità del contraddittorio o rendono inattendibili le rilevazioni statistiche.

Fascicolo informatico: si prevedono interventi finalizzati a
- consentire la visibilità con modalità telematiche del fascicolo d'ufficio al giudice dell'impugnazione, ivi inclusi gli atti e i documenti presenti su supporto analogico;
- disciplinare delle modalità di tenuta e conservazione degli atti e documenti contenuti nel fascicolo informatico, nonché le modalità per accedere al fascicolo e per facilitare la reperibilità degli atti e dei documenti nonché delle informazioni ivi contenute.

Firma elettronica: individuare dei tipi di firma elettronica da utilizzare per la sottoscrizione degli atti processuali e dei documenti.

Sinteticità degli atti: si prevede l’introduzione, in via generale, del principio di sinteticità degli atti di parte e del giudice, e strutturazione di campi necessari all'implementazione delle informazioni dei registri del processo, per assicurare un'agevole consultabilità degli atti e dei provvedimenti informatici, prevedendo le conseguenze, anche processuali, dell'eventuale inosservanza.

Cancelleria: si prevedono interventi finalizzati a
- implementare i registri di cancelleria ai fini delle tempestive e compiute rilevazioni statistiche dell'attività giudiziaria;
- disciplinare le modalità di spedizione e rilascio della copia esecutiva, riservando i relativi compiti al cancelliere, eliminando il divieto di spedizione di più di una copia in forma esecutiva alla stessa parte e prevedendo la possibilità per la parte di procedere esecutivamente in forza di copia munita di attestazione di conformità alla copia esecutiva rilasciata dal cancelliere.

(fonte: www.ilprocessotelematico.it)