POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 20 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

competenza | 11 Settembre 2015

L’incompetenza per grado comporta l’inammissibilità del ricorso depositato fuori termine

di Andrea Greco - Avvocato

In tema di rimpatrio del figlio minore sottratto all’affidatario ai sensi degli artt. 7 e ss. l. n. 64/1994, nell’ipotesi di proposizione del reclamo alla corte d’appello, anziché alla Corte di Cassazione, trattandosi di incompetenza per grado, non opera il principio secondo il quale la tempestiva proposizione del gravame ad un giudice incompetente impedisce la decadenza della impugnazione, determinando la cosiddetta translatio iudicii ex art. 50 c.p.c., e l'impugnazione va dichiarata pregiudizialmente inammissibile.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 17911/15; depositata il 10 settembre)

La vicenda processuale. Una madre adiva il tribunale per ottenere la restituzione del figlio minore ai sensi degli artt. 7 e ss. l. n. 64/1994. Il tribunale accoglieva la domanda. Il padre proponeva reclamo dinanzi alla corte d’appello. Quest’ultima...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.