POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 11 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

trattamento dati personali | 01 Settembre 2015

Collaborazione interrotta, la professionista vuole la cancellazione dei propri dati dal sito: legittima la richiesta tramite un legale

di Attilio Ievolella

  Evidente la condotta illecita della società proprietaria dello studio: sono stati conservati, online, i riferimenti, con nome e cognome, alla professionista. Più che sufficiente la revoca del consenso ufficializzata con una diffida all’azienda da parte del legale di fiducia della professionista. Plausibile anche la richiesta di risarcimento dei danni, poggiata sulla certificazione della sindrome depressiva di cui è rimasta vittima la donna.

(Corte di Cassazione, sez. I Civile, sentenza n. 17399/15; depositata il 1° settembre)

  Rottura del rapporto lavorativo: la dentista abbandona, dopo otto anni di collaborazione, la struttura sanitaria. Obiettivo è voltare pagina, e ciò comporta anche la richiesta, da parte della donna, di vedere cancellati nome...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.