POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 08 agosto 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

opposizione all’esecuzione | 28 Agosto 2015

L’ordinanza di assegnazione non fa venir meno l’interesse a coltivare l’opposizione

di Francesca Valerio - Magistrato ordinario in tirocinio

In un’opposizione ad espropriazione presso terzi per ragioni attinenti all’esistenza e/o all’opponibilità del titolo esecutivo, persiste la materia del contendere e l’interesse alla decisione sul merito in capo all’esecutato opponente quando, successivamente all’opposizione e nonostante il suo dispiegamento, sia stata pronunziata ordinanza di assegnazione ai sensi dell’art. 553 c.p.c. (Assegnazione e vendita di crediti).

(Corte di Cassazione, sez. III Civile, sentenza n. 17191/15; depositata il 27 agosto)

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione nella pronuncia n. 17191 del 27 agosto 2015. Il caso. Al fine di ottenere il pagamento di quanto dovuto per il risarcimento dei danni conseguenti ad un sinistro stradale, le parti danneggiate procedevano al...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.