POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 24 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

prestazioni professionali | 16 Giugno 2014

L’ex cliente si oppone alla parcella dell’avvocato ma viene condannato a pagare anche le spese della assicurazione, terza chiamata

di Stefano Calvetti - Avvocato

  Attesa la lata accezione con cui il termine ‘soccombenza’ è assunto nell'art. 91 c.p.c., il rimborso delle spese processuali sostenute dal terzo chiamato in garanzia dal convenuto deve essere posto a carico dell'attore ove la chiamata in causa si sia resa necessaria in relazione alle tesi sostenute dall'attore stesso e queste siano risultate infondate.

(Corte di Cassazione, sez. VI Civile – 2, ordinanza n. 13556/14; depositata il 13 giugno)

  Nella controversia decisa dalla Sesta Sezione Civile della Cassazione (ordinanza n. 13556 depositata il 13 giugno 2014) spiccano aspetti di carattere squisitamente processuale. Sullo sfondo il contrasto riguardante il diritto di due avvocati...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.