POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 24 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

disciplinare magistrati | 24 Settembre 2012

Se la passione per la danza sfocia in una vera e propria attività commerciale, può scattare la sanzione disciplinare

di Stefano Calvetti - Avvocato

L’esplicita previsione dell’obbligo di declaratoria di una causa di non punibilità ivi comprese tra queste la dichiarazione di estinzione del reato in ogni stato e grado del processo, impone di ritenere tale disposizione applicabile anche nell’ambito del procedimento disciplinare (in definitiva è applicabile anche al procedimento disciplinare il disposto dell’articolo 129 del codice di procedura penale).

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 15832/12; depositata il 20 settembre)

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 15832 depositata il 20 settembre 2012, ha affrontato una questione in materia di responsabilità disciplinare dei magistrati. La sentenza si segnala per aver ribadito un principio importante derivante...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.