POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 24 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

precisazione delle conclusioni | 28 Giugno 2012

Repetita iuvant, anzi talvolta è doveroso

  Avverso le ordinanze di ammissione o rigetto delle prove, rispetto alle quali non sia più previsto il reclamo, le richieste di modifica o di revoca devono essere reiterate in sede di precisazioni delle conclusioni definitive e – in mancanza – le stesse non possono essere riproposte in sede di impugnazione. Lo stesso principio vale quando il giudice istruttore, decidendo sulle istanze istruttorie proposte dalle parti, non ne prenda in considerazione alcune: anche in questo frangente la non reiterazione, con l’annessa precisazione delle conclusioni dell’istanza, assume la valenza di rinunzia.

(Corte di Cassazione, sez. VI-2 Civile, ordinanza n. 10748/12; depositata il 27 giugno)

  Questo principio si enuclea dalla recente pronuncia, n. 10748/12 del 27 giugno, della Cassazione Civile. Come dividere la torta dell’eredità. Un uomo, in qualità di erede (in rappresentanza del padre) in quote eguali...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.