POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 20 maggio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
CIVILE e PROCESSO

giurisdizione | 22 Maggio 2012

Titoli sopravvalutati, agenzie di rating sotto accusa. Ma a decidere sul risarcimento è il giudice straniero

  Acquisto dannoso compiuto da alcune società italiane, alla luce della valutazione data al rischio dei titoli. Per ottenere una risposta sul fronte patrimoniale, però, bisognerà ‘scavalcare’ l’ambito giudiziario nazionale. Scenda del delitto è il luogo dove la lesione si è verificata: in questo caso, la città, Londra, dove i titoli sono stati acquistati ad un valore superiore a quello reale.  

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, ordinanza n. 8076/12; depositata il 22 maggio)

  Valore completamente errato: quello effettivo inferiore, di molto, a quello fissato sulla carta. Così i titoli acquistati si rivelano una bomba ad orologeria, che esplode all’improvviso... A subirne le conseguenze alcune società...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.