Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
sabato 20 dicembre 2014
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
CIVILE e PROCESSO

costituzione in giudizio | 13 Marzo 2012

La mancata espressa indicazione del termine a comparire legittima la remissione - in termini - del convenuto

di Giulia Milizia

Il generico rinvio all’art. 166 c.p.c., senza l’espressa indicazione dei 20 giorni (o minor termine previsto per legge o dal giudice) per la costituzione in giudizio, comporta un vizio dell’atto, che legittima la remissione in termini del convenuto che l’ha eccepito a tutela dei suoi diritti di difesa ed al contraddittorio.

(Tribunale di Pavia, sez. II, ordinanza n. 2187/12; depositata il 18 febbraio)

  L’ordinanza del Tribunale di Pavia sez. II civ. dello scorso 18 febbraio analizza un peculiare ‘vizio della citazione’: la mancata espressa indicazione dei termini a comparire comporta un vizio della vocatio in ius, non...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.