POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 14 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
<p>
	CIVILE e PROCESSO</p>

CORTE DEI DIRITTI | 22 Marzo 2005

Calcolato male (e arrivato tardi) l'indennizzo per due "uomini a perdere" di Chernobyl

I giudici di Strasburgo riconoscono violato il diritto ad una procedura di ragionevole durata nel caso di due lavoratori utilizzati per la "pulizia" del sito nucleare del catastrofico incidente di quasi vent'anni fa

(Consiglio d'Europa, Corte europea dei diritti dell'uomo, sezione prima, sentenza nel ricorso 38305/02; pubblicata il 17 marzo 2005)

Quasi una beffa, oltre il danno, per due "uomini a perdere" di Chernobyl, due tra gli innumerevoli operai e tecnici di vario livello che presero parte nel corso degli anni alle operazioni di "pulizia" del sito nucleare sovietico (all'epoca l'Ucraina ne...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.