POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 18 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

Professione forense | 04 Marzo 2021

La quarantena fiduciaria dell’avvocato configura legittimo impedimento

di La Redazione

Il Tribunale di Monza, sez. Lavoro, ha affermato che laddove il termine per la costituzione in giudizio cada nel periodo di quarantena fiduciaria per l’avvocato della parte, si configura un’ipotesi di legittimo impedimento alla tempestiva costituzione in giudizio.

(Tribunale di Monza, sez. Lavoro, ordinanza del 27 febbraio 2021)

È quanto si ricava dall’ordinanza con cui il Tribunale di Monza, sez. Lavoro, ha rimesso in termini la parte convenuta ex art. 153, comma 2, c.p.c. poiché il termine per la costituzione in giudizio cadeva nel periodo di tempo in cui il difensore era sottoposto a quarantena fiduciaria.

 

Il Giudice ha infatti riconosciuto la sussistenza di un legittimo impedimento alla costituzione in giudizio e ha concesso un nuovo termine alla parte per il deposito di memoria integrativa, rinviando l’udienza.