POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 09 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

normativa covid | 27 Gennaio 2021

COVID-19: la Corte di Cassazione proroga le misure di prevenzione fino al 30 aprile

di La Redazione

Con il decreto n. 133/2021, il Primo Presidente della Suprema Corte ha disposto la proroga fino al 30 aprile 2021 delle misure organizzative volte alla prevenzione e al contenimento dei contagi connessi alla diffusione del COVID-19 oggetto del provvedimento disposto in data 29 settembre 2020.  

Con il decreto n. 133 del 25 gennaio 2021, il Primo Presidente della Corte di Cassazione Pietro Curzio dispone la proroga fino al 30 aprile 2021 del provvedimento emesso il 29 settembre 2020, con cui sono state adottate misure finalizzate a regolamentare l’accesso ai servizi e il loro utilizzo da parte degli utenti.

 

Tenendo conto, infatti, dell’evolversi della situazione epidemiologica si è imposta la necessità di prolungare la validità delle disposizioni organizzative riguardanti l’accesso ai servizi di cui al suddetto provvedimento, le quali hanno lo scopo di contemperare la prosecuzione delle attività di amministrazione della giustizia con l’adozione di misure atte a tutelare la salute degli operatori nonché degli utenti nell’ottica generale di contenere la diffusione dei contagi da COVID-19.

 



Qui il decreto del Primo Presidente della Corte di Cassazione del 25 gennaio 2021, n. 133