POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 09 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 27 Gennaio 2021

Iscrizione Albo cassazionisti: il CNF apre al colloquio per la verifica di idoneità

di La Redazione

Con delibera dello scorso 22 gennaio, il CNF ha modificato il Regolamento sui corsi per l’iscrizione all’Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori introducendo la possibilità di sostituire la prova scritta con un colloquio orale, in via telematica, della durata di almeno 30 minuti.

Il CNF, in data 22 gennaio 2021, ha approvato una delibera immediatamente esecutiva che ha modificato il Regolamento sui corsi per l’iscrizione all’Albo speciale per il patrocinio davanti alle giurisdizioni superiori.

 

Nel dettaglio all’art. 9 del Regolamento relativo alla verifica finale di idoneità è stato aggiunto il comma 3-bis secondo cui «Tenuto conto del periodo di emergenza sanitaria dichiarato dal Governo, nonché delle ragioni di tutela della salute pubblica che, in relazione alla pandemia in atto, non consentono lo svolgimento della verifica di idoneità nelle forme di cui al comma precedente, il Consiglio di sezione della Scuola Superiore dell’Avvocatura, può deliberare che la prova scritta di cui al comma 3 sia sostituita da un colloquio orale da svolgersi in via telematica, secondo le modalità individuate dalla medesima delibera. Il colloquio di cui al periodo precedente, della durata di non meno di trenta minuti, consiste nella discussione di un tema assegnato dalla commissione, avente per oggetto una contestazione giudiziale, nella quale il candidato dimostri la propria preparazione e l’attitudine al patrocinio dinanzi alle giurisdizioni superiori».