POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 26 ottobre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

notificazioni | 23 Settembre 2020

Notifiche a mezzo posta: operativi da oggi i nuovi modelli di Poste Italiane

di La Redazione

Sono “in pensione” da ieri i vecchi modelli di buste e di moduli per la notificazione degli atti a mezzo posta. I nuovi modelli sono stati diffusi da Poste Italiane alla fine di agosto e, a partire da oggi, dovranno essere utilizzati in via esclusiva.

Il periodo transitorio per l’utilizzo dei vecchi modelli è terminato ieri ed è dunque definitiva l’adozione dei nuovi standard predisposti da Poste Italiane per le notifiche degli atti giudiziari a seguito della Delibera AGCOM 155/19/CONS dell'8 maggio 2019, pubblicata il 14 maggio 2019.

 

Poste Italiane ha precisato che il Cliente può richiedere, in alternativa alla modalità a mezzo raccomandata, la restituzione del 23L (Richiesta duplicato Avviso di Ricevimento Atto Giudiziario) in digitale (a mezzo PEC) ma condizione abilitante per attivare tale modalità di servizio è la trasmissione dell’indirizzo PEC (e a discrezione del cliente delle altre informazioni abilitanti il servizio) in modalità digitale tramite gli strumenti di accesso messi a disposizione da Poste. Il cliente può anche richiedere il servizio di Ritiro Digitale, che consente al destinatario di ritirare, in modalità digitale e in alternativa al processo fisico, il contenuto di un invio a lui diretto. Il Cliente che intenda permettere al destinatario di usufruire del servizio per le proprie spedizioni deve attenersi alle specifiche declinate nella Scheda Tecnica Prodotto Servizio Ritiro Digitale.

 



Qui la scheda tecnica di Poste Italiane