POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 20 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

decreto coronavirus | 23 Aprile 2020

Cassa Forense: ulteriori pagamenti del bonus 600 euro ma 30mila domande rimangono scoperte

di La Redazione

Continuano i pagamenti dei bonus 600 euro in favore degli avvocati che hanno presentato domanda di reddito di ultima istanza. Il budget disponibile ha tuttavia consentito di definire solo le domande presentate entro le 17.00 del 2 aprile 2020. Per la copertura delle restanti, nelle prossime ore, l’Adepp provvederà a sollecitare nuovamente il Ministero del Lavoro per un ulteriore finanziamento della misura.

Cassa Forense informa che è stato disposto il pagamento di ulteriori 28.252 bonus di 600 euro in favore di iscritti che hanno presentato domanda per il reddito di ultima istanza di cui all’art. 44 d.l. n. 18/2020. In particolare, a seguito del chiarimento del Ministero del Lavoro, il pagamento comprende anche gli iscritti nel periodo 1 gennaio 2019 – 1 aprile 2020, tenuto conto dell’ordine cronologico delle richieste.
La Cassa precisa che il budget disponibile ha consentito di definire le domande degli aventi diritto presentate fino alle ore 17.00 del 2 aprile 2020, dunque, le circa 30.000 domande pervenute successivamente risultano al momento prive di copertura.
Tuttavia, nelle prossime ore, l’Adepp provvederà a sollecitare nuovamente il Ministero del Lavoro per un ulteriore finanziamento della misura, così da consentire il pagamento di tutte le domande pendenti e porre rimedio all’iniquità dell’esclusione dal beneficio dei titolari di pensione d’invalidità, reversibilità e indirette, nonché del criterio di esclusività di iscrizione ad una Cassa professionale, introdotto dall’art. 34 d.l. n. 23/2020.

 

 

Clicca qui per consultare la sezione dedicata al decreto Coronavirus