POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 17 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

Compenso Avvocati | 20 Aprile 2020

Compenso avvocati: le pattuizioni con la parte assistita hanno “carattere preferenziale” tra i criteri di determinazione

di Massimiliano Summa - Avvocato

Il compenso per prestazioni professionali va determinato in base alla tariffa ed adeguato all’importanza dell’opera solo nel caso in cui esso non sia stato liberamente pattuito, in quanto l’art. 2223 c.c. pone una garanzia di carattere preferenziale tra i vari criteri di determinazione del compenso, attribuendo rilevanza in primo luogo alla convenzione che sia intervenuta tra le parti e solo in mancanza di quest’ultima, in ordine successivo, alle tariffe, agli usi e, infine, alla determinazione del Giudice.  

(Cassazione Civile, sez. I Civile, ordinanza n. 7904/20; depositata il 17 aprile)

Così la Suprema Corte con l’ordinanza n. 7904/20, depositata il 17 aprile.   Il caso. Un Avvocato ha impugnato avanti alla Corte di Cassazione il decreto con cui il Tribunale di Bari aveva respinto il reclamo proposto avverso...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.