POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 31 marzo 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

decreto coronavirus | 24 Febbraio 2020

Avvocati: ecco le misure urgenti per far fronte alla situazione di emergenza sanitaria

di La Redazione

A fronte della situazione di emergenza da Coronavirus, il Ministero della Giustizia, il Consiglio Nazionale Forense e il Consiglio di Stato hanno ritenuto opportuno adottare misure precauzionali al fine di evitare il contagio tra tutti coloro che operano nel settore Giustizia.

Palazzo di Giustizia di Milano. Preso atto della situazione epidemiologica in Lombardia, tra le misure adottate nella città metropolitana di Milano vi sono quelle relative all’operatività del Palazzo di Giustizia. In particolare, è stato comunicato che gli uffici giudiziari resteranno per il momento aperti e operativi, con la previsione di rinvii delle sole udienze e attività che coinvolgono avvocati residenti, o comunque dimoranti, nelle zone chiuse per il contagio.
Tutti gli altri avvocati dovranno invece recarsi in Tribunale, con l’avvertenza di presentarsi nel numero indispensabile, evitando di coinvolgere praticanti e tirocinanti.

 

Ministero della Giustizia. Facendo seguito alle decisioni prese dal Consiglio dei Ministri, il Ministero della Giustizia, attraverso i suoi dipartimenti, DOG, DGMC e DAP, ha emanato indicazioni urgenti per i dipendenti di tutta l’Amministrazione e gli utenti della Giustizia residenti, o dimoranti, nei comuni delle zone a rischio. In particolare, al fine di prevenire il rischio di ulteriore diffusione del contagio, le circolari di tutti e tre i dipartimenti raccomandano a tutti coloro che provengono dalle zone a rischio di non recarsi, fino a diversa disposizione, nei luoghi di servizio, compresi gli istituti penitenziari. Inoltre, presso i tre dipartimenti sono state istituite le unità di crisi, al fine di assicurare il costante monitoraggio dell’andamento del fenomeno e delle informazioni relative ai casi sospetti, nonché per l’adozione tempestiva delle conseguenti iniziative.

 

Consiglio Nazionale Forense. Anche il CNF, al fine di evitare spostamenti e trasferte dei colleghi a Roma, in attesa di un quadro preciso della situazione epidemiologica del Coronavirus, ha ritenuto opportuno rinviare le riunioni già fissate sia dei gruppi di lavoro Agorà, sia delle Commissioni CNF, incentivando laddove possibile l’utilizzo delle modalità informatiche. Inoltre, per il mese di marzo, vengono sospese e annullate le sedute giurisdizionali e l’inaugurazione dell’anno giudiziario in via di programmazione.
Nel frattempo, il Consiglio valuterà ogni intervento utile per ciascun territorio in merito alla formazione continua, certificazione di compiuta pratica, iscrizione ad albi e registri, provvedendo anche a raccogliere le richieste e le esigenze derivanti dagli Ordini di tutta Italia.

 

Consiglio di Stato e Tribunali Amministrativi Regionali. Non tardano ad arrivare anche le indicazioni del Presidente del Consiglio di Stato che ha ritenuto opportuna l’individuazione di alcune misure precauzionali in occasione della celebrazione delle camere di consiglio e delle udienze, in considerazione del possibile affollamento, in luogo chiuso, di avvocati e di pubblico. Verranno, a tal proposito, previste fasce orarie per la trattazione delle camere di consiglio e individuato un orario prima del quale non saranno trattate cause di merito. Inoltre, afferma il Presidente, si considerano giustificate le assenze di avvocati che dichiarino di essere residenti o dimoranti nelle zone a rischio o comunque che siano entrati in contatto con residenti o dimoranti in dette zone.