POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 31 marzo 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

previdenza forense | 19 Febbraio 2020

Last call di Cassa Forense per il bando per progetti di sviluppo economico dell’Avvocatura

di La Redazione

Cassa Forense ricorda che alle ore 24.00 del 28 febbraio 2020 scadrà il termine per poter presentare le domande di partecipazione al bando per progetti di sviluppo economico dell’Avvocatura.

Bando in scadenza. Il 28 febbraio 2020 scadrà il termine per poter presentare le domande di partecipare al bando per progetti di sviluppo economico dell’Avvocatura. Ai fini della partecipazione, Cassa Forense ricorda che è obbligatorio essere in regola con gli obblighi di rendicontazione dei contributi ricevuti in virtù dei precedenti bandi.
Al bando potranno partecipare i Consigli dell’Ordine degli Avvocati, le Associazioni forensi maggiormente rappresentative e specialistiche, i Comitati Pari Opportunità degli Ordini o delle Associazioni e le Fondazioni forensi presso CNF, COA o Unioni di COA.
I progetti, precisa la Cassa, potranno essere corsi di formazione di alta specializzazione o caratterizzarsi per l’utilizzo di nuove funzionalità/nuove applicazioni informatiche, digitali e tecnologiche. Dovranno, poi, individuare il target SDGs che intendono conseguire tra quelli sopra indicati e dovranno essere realizzati entro il termine di un anno dalla comunicazione di approvazione, pena la revoca del finanziamento.
Il contributo per ciascun progetto verrò erogato in due tranche, 60% all’approvazione del progetto e 40% all’esito dell’esame della rendicontazione finale del progetto. In ogni caso non potrà superare €25.000, 00.