POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 23 settembre 2020
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 16 Gennaio 2020

Registro unico difese d’ufficio: la nuova piattaforma per l’invio delle istanze è ufficialmente attiva

di La Redazione

A seguito dello slittamento dell’attivazione reso noto dal CNF nei giorni scorsi, la nuova piattaforma per le richieste di iscrizione, permanenza e cancellazione nell’elenco unico nazionale per le difese d’ufficio è operativa da oggi, 16 gennaio 2020. Le istanze dovranno essere inviate entro e non oltre il prossimo 17 febbraio.

È attiva dalle ore 12,00 di oggi, 16 gennaio, la nuova piattaforma per le richieste di iscrizione, permanenza e cancellazione nell’elenco unico nazionale per le difese d’ufficio.
Ai fini della domanda di iscrizione o permanenza, che dovranno essere presentate entro il 17 febbraio 2020, i professionisti dovranno indicare le udienze conseguite nel corso dell’anno precedente. Potranno presentare domanda di prima iscrizione anche coloro ai quali era preclusa l’iscrizione al registro per cancellazione volontaria o mancata presentazione della domanda di permanenza e che per tali motivi erano stati cancellati dall'elenco unico nazionale.
Il sistema, del tutto nuovo rispetto al preesistente, si risolve nella compilazione di un modulo già comprensivo dei dati anagrafici dell’avvocato richiedente, da completarsi con l’indicazione delle 10 udienze necessarie a conseguire l’iscrizione ovvero con i dati relativi al corso di formazione frequentato a questo fine.