POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 13 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 12 Novembre 2019

Omessa o tardiva fatturazione dei compensi: il ravvedimento operoso non salva l'avvocato

di La Redazione

L’avvocato ha l’obbligo di emettere fattura tempestivamente e contestualmente alla riscossione dei compensi. L’eventuale adempimento tardivo resta irrilevante, anche se effettuato tramite strumenti legislativi tipici, quale il c.d. “ravvedimento operoso”. Quest’ultimo può tuttavia mitigare la sanzione disciplinare.  

(Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 16/19; depositata il 23 aprile)

Lo ha affermato il Consiglio Nazionale Forense con sentenza n. 16/19 depositata il 23 aprile.   Il caso. Il COA di Bergamo, a conclusione dei procedimenti disciplinari svoltisi a carico dell’avvocato, lo sospendeva dall’esercizio...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.