POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 21 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 25 Giugno 2019

Avvocati pronti alla carriera di agente sportivo: non serve l’esame

Riunione a Roma dell’associazione ‘Avvocaticalcio’

di La Redazione

Il presidente Pasqualin ha chiarito che un legale, regolarmente iscritto all’albo professionale, può subito operare come agente sportivo. Possibile fornire le proprie prestazioni non solo agli atleti ma anche alle società di calcio.  

Avvocati di tutt’Italia, pronti a scendere in campo. Letteralmente, o quasi... Perché la carriera come “agente sportivo” è un’opzione facilmente percorribile, senza cioè la necessità di sottoporsi al previsto esame, e quindi da prendere seriamente in considerazione.
A dirlo in maniera chiara, qualche giorno fa, è stato l’avvocato Claudio Pasqualin (Foro di Vicenza), presidente dell’associazione ‘Avvocaticalcio’, a chiusura della riunione del consiglio direttivo, riunione tenutasi a Roma che ha visto presenti anche Franco Campana (Napoli), Mauro Garau (Cagliari), Andrea Fontana (Vercelli), Vincenzo Galilei (Torino), Giacomo Luisi (Bari) e Roberto Nitto (Lecce).
L’incontro è servito anche a prendere in esame la posizione degli avvocati rispetto al ‘Registro degli agenti sportivi’ del ‘Coni’ e della ‘Figc’, e su questo fronte i componenti del consiglio direttivo hanno chiarito che «agli avvocati regolarmente iscritti all’albo professionale è pienamente consentito di operare nell’ambito del calciomercato, senza necessità di iscriversi al ‘Registro degli agenti sportivi’». Ciò alla luce della legge dello Stato con cui è stato istituito il ‘Registro’ e che, quindi, come chiarito anche dalla ‘Commissione Coni degli agenti sportivi’, «non può essere messa in discussione da eventuali interpretazioni di regolamenti federali».
Questione chiusa, quindi, come ha sintetizzato Pasqualin: «L’avvocato è agente sportivo ex lege».
E si tratta di un passaggio importante, anche tenendo presente l’associazione ‘Avvocaticalcio’ «punta al riconoscimento e allo sviluppo della professione dell’avvocato operante in ambito calcistico, con particolare riferimento alla qualità dei servizi che esso può offrire nella sua attività di assistenza e di consulenza a calciatori e società di calcio».