POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 21 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 25 Giugno 2019

Astensione degli avvocati penalisti dalle udienze per il 9 luglio

di La Redazione

Il prossimo 9 luglio 2019 gli avvocati penalisti si asterranno dalle udienze penali. La Giunta dell’Unione delle Camere Penali Italiane ha proclamato l’astensione dalle udienze penali per il giorno 9 luglio 2019, convocando per lo stesso giorno una manifestazione nazionale a Napoli, nel Palazzo di Giustizia.  

Astensione. La Giunta dell’Unione delle Cameri Penali Italiane, con una delibera dello scorso 20 giugno, ha proclamato l’astensione dalle udienze penali (e da ogni attività giudiziaria nel settore penale) per il giorno 9 luglio 2019, convocando per lo stesso giorno una manifestazione nazionale a Napoli, nel Palazzo di Giustizia. Lo scopo della manifestazione è quello di spiegare le ragioni dell'astensione e di far conoscere alla comunità dei Giuristi la drammatica situazione nelle strutture carcerarie in Italia.

 

Le motivazioni. L’astensione è stata proclamata a causa delle gravi condizioni in cui si trovano i detenuti all’interno degli Istituti penitenziari, dovuta anche al sovraffollamento degli spazi. Alla luce di ciò i penalisti sottolineano che «occorre al più presto metter mano ad una serie di iniziative in grado di umanizzare la pena e di riportare l'esecuzione penale nella legalità costituzionale come ci viene richiesto anche dalle giurisdizioni sovranazionali».

 



Qui la delibera dell’Unione Camere Penali Italiane del 20 giugno 2019