POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 21 luglio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 19 Giugno 2019

Equo compenso, l’incontro tra Mascherin e Morrone per la riconvocazione di un tavolo tecnico

di La Redazione

Si è tenuto il 18 giugno un incontro in materia di equo compenso tra il Presidente del Consiglio Nazionale Forense, Andrea Mascherin, e il sottosegretatio alla giustizia nonché coordinatore del tavolo tra tutti gli ordini professionali, Jacopo Morrone.

Durante l’incontro e in previsione di una nuova convocazione a breve del tavolo tecnico, il Presidente del CNF ha sottoposto ai presenti le criticità sulla corretta applicazione della normativa relativa all’equo compenso, mostrando alcune possibili soluzioni, come ad esempio l’estensione dell’obbligo alla pubblica amministrazione e agli enti di riscossione o ancora il chiarimento che l’equo compenso si applica anche ai singoli contratti in corso al momento dell’entrata in vigore della legge.
Ha poi suggerito, Andrea Mascherin, la possibilità di «istituire una Autorità garante del mercato delle professioni che vigili sul rispetto dell’equo compenso da parte dei committenti con poteri sanzionatori e l’espressa previsione della legittimazione delle rappresentanze di categoria a esercitare la class action a tutela dei professionisti».
L’intenzione dei partecipanti (anche Pietro Gancitano, consulente giuridico del Ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede per gli ordini professionali) è quella di riconvocare il prima possibile il tavolo tecnico per definire un testo di modifica della normativa in materia.