POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 14 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

società tra professionisti | 18 Giugno 2019

Chiarimenti dell’Antitrust sulle società tra professionisti

di La Redazione

In materia di società tra professionisti (STP), i due requisiti della maggioranza dei due terzi “per teste” e “per quote di capitale” di cui all’art. 10, comma 4, lett. b), l. n. 183/2011 per l’Antitrust non devono essere considerati cumulativi.

Questo è quanto affermato dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato nella delibera del 22 maggio, pubblicata ieri nel proprio bollettino settimanale n. 24/2019.

 

L’interpretazione dell’Autorità. Per l’Autorità l’interpretazione della norma (art. 10, comma 4, lett. b), l. n. 182/2011, adottata da taluni Consigli e Federazioni di Ordini professionali può «determinare limitazioni della concorrenza, in quanto si traduce in un ingiustificato ostacolo alla possibilità per i professionisti di organizzarsi in forma di STP». In particolare, lo scorso novembre 2018, il Consiglio Nazionale dei Commercialisti aveva affermato che la maggioranza dei due terzi dovesse valere in modo cumulativo, ossia sia per le teste che per le quote.
Una tale interpretazione, però, ostacola per l’Antitrust la possibilità per i professionisti di scegliere l’organizzazione e la compagine societaria ritenuta più consona alle proprie esigenze e si traduce, dunque, «in un’ingiustificata limitazione della concorrenza, in contrasto con lo spirito della norma volta al completo superamento del divieto per i professionisti di costituirsi in società».
Per tale motivo, i due requisiti della maggioranza dei due terzi “per teste” e “per quote di capitale” di cui all’art. 10, comma 4, lett. b), l. n. 183/2011 per l’Antitrust non devono essere considerati cumulativi. In tale prospettiva, la maggioranza dei professionisti rimane obbligatoria per quanto riguarda le decisioni da assumere, ma lo stesso non vale per quanto concerne le quote societarie.

 



Qui il bollettino settimanale dell’AGCM del 17 giugno 2019, n. 24