POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
giovedì 27 giugno 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 24 Maggio 2019

Patto di gestione della lite: alla ricerca del vero obbligato al pagamento dell’onorario dell’avvocato

di Fabio Valerini - Avvocato cassazionista, Dottore di ricerca nell'Università di Roma Tor Vergata

Con l’ordinanza del 23 maggio 2019, n. 14107 la seconda sezione della Corte di Cassazione, ribadendo la distinzione tra procura alle liti e contratto di patrocinio, chiarisce bene gli oneri di allegazione e di prova affinché l’avvocato possa ottenere il pagamento dell’onorario dovuto dal “vero obbligato” tutte le volte in cui vi è un patto di gestione delle liti accessorio ad un contratto di assicurazione.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 14107/19; depositata il 23 maggio)

Il caso. All’origine dei fatti il ricorso promosso ex art. 702-bis c.p.c. da un avvocato nei confronti dei clienti di cui aveva svolto la difesa in un processo civile nel quale avevano rivestito la qualità di convenuti per accertare la...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.