POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 22 marzo 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

question time | 14 Marzo 2019

Bonafede al question time su magistratura onoraria e riforma penale

di La Redazione

Si è tenuto ieri, 13 marzo, il question time alla Camera al quale è stato chiamato anche il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Il Guardasigilli ha risposto a due interrogazioni in tema di magistratura onoraria e riforma penale, sulla quale proseguono peraltro gli incontri con CNF, Unione delle Camere Penali, OCF e AIGA.  

Magistratura onoraria. Il Ministro della Giustizia, rispondendo alla deputata Scutellà al quesito in tema di magistratura onoraria, ha confermato che «il percorso di modifica della riforma Orlando è iniziato”. Grazie all’attività di coordinamento del tavolo tecnico e al lavoro degli uffici del ministero si è, infatti, arrivati a un punto di incontro tra le numerose esigenze di intervento, tutela sindacale e professionale della magistratura onoraria». Il tavolo tecnico è dunque operativo e sta lavorando per realizzare le misure elencate con gli strumenti normativi più adeguati.

 

Riforma del processo penale. Il deputato Costa ha invece chiesto chiarimenti sulle semplificazioni previste in materia di giustizia penale. Il Guardasigilli ha evidenziato «la costituzione di una task force presso il Ministero per lo studio di proposte di riforma del processo penale e la costante interlocuzione con magistratura e avvocatura».
Proprio ieri si è infatti tenuto l’incontro con CNF, Unione delle Camere Penali, OCF e AIGA. Il Presidente del CNF, Andrea Mascherin, «conferma l’impegno dei partecipanti e del Ministro a trovare delle soluzioni processuali che aiutino gli operatori del diritto a ottimizzare i tempi del procedimento penale. Sono state individuate le aree di intervento principali nel rafforzamento dei riti alternativi, nella riforma, delle sanzioni contravvenzionali, nel rafforzamento della udienza preliminare».