POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 25 maggio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

elezioni dei consigli | 14 Marzo 2019

Elezioni dei COA: salva la proroga

di La Redazione

Saltata la conversione del decreto legge n. 2/2019. Ma atti e provvedimenti restano salvi. Il Ministero della Giustizia, con il comunicato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 61/2019 del 13 marzo, ha chiarito che, posta l’abrogazione del d.l. n. 2/2019 da parte della legge di conversione del c.d. decreto semplificazioni, «restano validi gli atti e i provvedimenti adottati e sono fatti salvi gli effetti prodottisi ed i rapporti giuridici sorti sulla base del decreto legge n. 2 del 2019».

Prendendo atto della mancata conversione del d.l. n. 2/2019, recante «Misure urgenti e indifferibili per il rinnovo dei consigli degli ordini circondariali forensi», il Ministero della Giustizia ha precisato che le norme ivi previste sono state abrogate dall'art. 1, comma 3, l. n. 12/2019 di conversione, con modificazioni, del d.l. n. 135/2018, c.d. d.l. semplificazioni.
Il decreto legge era stato approvato dal Governo, a seguito della sentenza delle Sezioni Unite n. 32781/18 che nell’interpretare la l. n. 113/2017, avevano ribadito l’ineleggibilità degli avvocati che hanno già svolto due mandati consecutivi.
Con il comunicato del Ministero viene chiarito che, «ai sensi del medesimo art. 1, comma 3, legge 11 febbraio 2019, n. 12, restano validi gli atti e i provvedimenti adottati e sono fatti salvi gli effetti prodottisi ed i rapporti giuridici sorti sulla base del decreto-legge n. 2 del 2019».

 



Qui il comunicato del Ministero della Giustizia in G.U. del 13 marzo 2019, n. 61