POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 25 maggio 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

gratuito patrocinio | 08 Marzo 2019

Gratuito patrocinio: il giudice è tenuto ad applicare il principio di inderogabilità dei minimi tariffari

di Rosa Villani - Avvocato

Il giudice, come imposto dall’art. 116, comma 1, d.P.R. n. 115/2002, è tenuto a conformarsi alla normativa prevista dall’art. 82, comma 1, del citato d.P.R., il quale prevedendo l’osservanza delle tariffe professionali in modo che in ogni caso, l’onorario e le spese liquidati non risultino superiori ai valori medi delle stesse, lascia, attraverso tale richiamo, implicitamente salva l’inderogabilità dei minimi, prevista dall’art. 1, comma 5, della tariffa penale di cui al d. m. n. 127/2004.  

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 6686/19; depositata il 7 marzo)

E’ quanto affermato dalla Corte di Cassazione nell’ordinanza n. 6686 depositata il 7 marzo 2019.   Il fatto. Un avvocato proponeva opposizione avverso il decreto con il quale il Tribunale territorialmente competente aveva liquidato...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.