POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 14 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

professione forense | 05 Dicembre 2018

Prorogato il termine per l’istanza di permanenza nell’elenco dei difensori d’ufficio

di La Redazione

Il Consiglio Nazionale Forense, con provvedimento del 4 dicembre, dispone la proroga del termine per la presentazione dell’istanza per la permanenza dell’iscrizione nell’elenco unico nazionale dei difensori disponibili ad assumere le difese d’ufficio.  

Nel provvedimento il Coordinatore della Commissione del CNF in materia di difesa di ufficio e patrocinio a spese dello Stato dispone la proroga del termine fino al 30 aprile 2019 per l’istanza che provi la sussistenza dei requisiti per il mantenimento dell’iscrizione nell’elenco unico nazionale dei difensori disponibili ad assumere la difesa d’ufficio.
Tale provvedimento deve essere comunicato: a tutti i Consiglieri nazionali e a tutti gli uffici del CNF nonché ai componenti della Commissione in materia di difesa d’ufficio e patrocinio a spese dello Stato; ai Presidenti dei Consigli dell’Ordine degli Avvocati e all’Unione Camere Penali Italiane nonché alla Commissione difesa di ufficio dell’Unione; a tutti gli avvocati iscritti alla newsletter del CNF; ed infine deve essere pubblicato sul sito istituzionale del Consiglio.

 



Qui il provvedimento del Consiglio Nazionale Forense del 4 dicembre 2018