POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 14 dicembre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

mezzi di prova | 12 Ottobre 2018

Bonafede al GAI: la novità delle prove elettroniche e il loro valore aggiunto

Il Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede, al GAI (Consiglio Giustizia Affari Interni), in corso in Lussemburgo, ribadisce il sostegno dello Stato italiano «a uno strumento normativo che stabilisca l’obbligo per l’internet service provider di consegnare la prova elettronica all’autorità giudiziaria, indipendentemente dal luogo del provider».

Questo è quello che ha ribadito il Guardasigilli Bonafede durante il Congresso Giustizia Affari Interni (GAI), in corso in Lussemburgo.

 

Prove elettroniche. «Siamo convinti che questa novità rappresenti un valore aggiunto rispetto alle procedure esistenti a cui non dobbiamo rinunciare dà attuazione al principio di reciproca fiducia tra gli Stati dell’Unione» ha aggiunto il ministro Bonafede al consiglio.
Al GAI è stato affrontato anche il tema sul sostegno alle società che stanno attraversando difficoltà finanziarie con la previsione di una ristrutturazione preventiva allo scopo di offrire un’altra opportunità agli imprenditori onesti che falliscono in tutta l’Unione Europea.
Successivamente il ministro Bonafede ha sostenuto un bilaterale con la collega spagnola Carmen Delgado, nel quale ha ottenuto tutto l’impegno per giungere ad una verità giudiziaria su due casi seguiti con attenzione dall’autorità italiana: l’omicidio Ciatti, avvenuto ad agosto dello scorso anno in una discoteca di Lloret de Mar, e l’incidente stradale di Freginaals dove morirono alcune studentesse italiane.