POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
domenica 21 ottobre 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

professione forense | 07 Agosto 2018

Società tra avvocati (STA): incombenze fiscali e previdenziali e conseguente effetto VASA

L’Agenzia delle Entrate con la risoluzione n. 35/E del 7 maggio 2018, in risposta ad un’istanza di interpello formulata da un professionista con la quale veniva chiesto all’amministrazione finanziaria se una società per azioni costituita per l’esercizio dell’attività di avvocato, ai sensi della l. n. 247/12, come modificata dalla l. 214/17, dovesse adottare il regime fiscale previsto per le società di capitali, ha dato risposta positiva affermando come l’esercizio della professione forense svolta in forma societaria sia da considerarsi attività di impresa e non attività di lavoro autonomo.

Con l’approfondimento disponibile per gli abbonati Diritto e Giustizia al link sottostante, gli avvocati Beatrice Belli e Gianluca Gambogi, affronta il tema della costituzione della società tra avvocati dal punto di vista fiscale, analizzandone i risvolti positivi in termini di risparmio di imposta e tassazione, ma anche gli aspetti che assumono una connotazione negativa, soprattutto con riferimento alle conseguenze pratiche sulla tenuta della contabilità.