POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 19 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

professione forense | 08 Marzo 2018

Credito agevolato per avvocati: Cassa Forense firma l’accordo con Banco BPM

Cassa Forense ha sottoscritto con Banco BPM un accordo strategico finalizzato alla messa a disposizione di 100mila euro a favore di tutti gli iscritti che potranno così accedere al credito agevolato avvalendosi del sostegno del Fondo di Garanzia per le PMI istituito dalla l. n. 662/1996.  

«Il terzo istituto di credito italiano intende sostenere le attività dei professionisti che da oggi possono richiedere finanziamenti all’insegna della semplicità di accesso». Così Cassa Forense annuncia la sottoscrizione di un accordo strategico con il Banco BPM per consentire l’accesso a tutti gli iscritti al credito agevolato.

«Un concreto e utile sostegno agli oltre 240.000 avvocati iscritti alla Cassa Forense». La somma stanziata a favore degli avvocati è di 100mila euro. «L’invio iniziale di pochi documenti attiva un processo celere e dedicato» che consentirà agli interessati di accedere a finanziamenti agevolati «mirati a supportare lo sviluppo dell’attività professionale, dall’acquisto o ristrutturazione dello studio all’acquisto della strumentazione, fruendo delle garanzie prestate dal Fondo di Garanzia per le PMI, costituito dal Ministero dello Sviluppo Economico di concerto con il Ministero dell’Economia e delle Finanze».