POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 24 aprile 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

professione forense | 03 Gennaio 2018

Il CNF sul regime di scelta dell’avvocato da parte della P.A.

di Marilisa Bombi

Non può essere condivisa l’affermazione delle linee guide dell’ANAC, secondo cui il diritto europeo avrebbe reso oggi non più attuale la distinzione di diritto interno tra contratto d’opera ed appalto e le relative ricadute sul regime di scelta dell’avvocato da parte della P.A.. Tutt’altro. Il CNF, con un articolato parere approvato a metà dicembre smonta, punto per punto, le argomentazioni dell’Autorità a proposito della applicabilità del codice degli appalti anche per l’affidamento degli incarichi; e lo fa partendo dal solco tracciato dal Consiglio di Stato, nella memorabile sentenza n. 2730/12.

Sentenza che, per un certo verso, ha anticipato il contenuto delle direttive comunitarie del 2014. Il parere del CNF. In sostanza, secondo il Consiglio forense, nei casi di difesa in giudizio il contratto di patrocinio non è un comune contratto...

Qui il parere del Consiglio Nazionale Forense

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.