POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 23 giugno 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

disciplinare avvocati | 27 Dicembre 2017

Avvocato vuole essere pagato nonostante l’ammissione al gratuito patrocinio della cliente

Costituisce illecito disciplinare il comportamento dell’avvocato che, in violazione dell’art. 85 d.P.R. n. 115/2002, richieda un compenso al cliente ammesso al patrocinio a spese dello Stato, a nulla rilevando in contrario la circostanza che, quantomeno per colpa, il professionista non fosse a conoscenza dell’ammissione al beneficio stesso.  

(Consiglio Nazionale Forense, sentenza n. 150/17; depositata il 10 ottobre)

Così il Consiglio Nazionale Forense con sentenza n. 150/17; depositata il 10 ottobre. Il fatto. Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Lucera accertava la responsabilità del professionista in ordine al capo di incolpazione a lui contestato...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.