Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 20 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

professione forense | 27 Ottobre 2017

Aperte le iscrizioni all’Albo degli Avvocati per la difesa della Città Metropolitana di Milano

Con decreto dirigenziale raccolta generale del 2 ottobre 2017, n. 7931, è stato approvato lo schema di avviso pubblico e di domanda di iscrizione all’Albo aperto degli Avvocati per il conferimento degli incarichi per la difesa e la rappresentanza in giudizio della Città Metropolitana di Milano.

Avviso pubblico e domanda d’iscrizione. Sul sito internet della Città Metropolitana di Milano in “Amministrazione Trasparente” è stato pubblicato l’avviso corredato dalla domanda di iscrizione per l’accesso all’Albo aperto degli Avvocati per il conferimento degli incarichi per la difesa e la rappresentanza in giudizio dell’ente.
Emerge dal decreto che l’esigenza di formare un Albo di avvocati esterni, oltre all’Avvocatura interna dell’Ente, nasce dal fatto che «vi sono prestazioni legali che non possono essere direttamente curate dal personale dipendente per coincidenza ed indifferibilità di altri impegni di lavoro, per la notevole quantità di procedimenti in corso, per questioni di particolare delicatezza e rilevanza o per la particolare tecnicità e complessità di determinate prestazioni nonché nei casi in cui sia inopportuno che la difesa dell’Ente sia svolta dai legali interni a causa della sussistenza di ragioni di potenziale o reale incompatibilità o di conflitto di interessi».
Nel decreto è inoltre specificato che le domande d’iscrizione del professionista interessato o del rappresentante dello studio associato non hanno un termine di scadenza e possono pervenire all’Albo in qualsiasi momento.



Qui la domanda di iscrizione all’Albo aperto degli Avvocati

Qui il decreto dirigenziale della Città Metropolitana di Milano del 2 ottobre 2017, n. 7931