Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 20 novembre 2017
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

professione forense | 23 Ottobre 2017

Un avvocato del libero foro non può difendere un Ateneo, salvo apposita e motivata delibera

di Rosa Villani - Avvocato

Ai sensi dell’art. 43 r.d. n. 1611/1933, la facoltà per le Università statali di derogare, in casi speciali al patrocinio autorizzato spettante ex lege all’Avvocatura dello Stato, per avvalersi dell’opera di liberi professionisti, è subordinata all’adozione di una specifica e motivata deliberazione dell’ente da sottoporre agli organi di vigilanza per un controllo di legittimità.

(Corte di Cassazione, sez. Unite Civili, sentenza n. 24876/17; depositata il 20 ottobre)

La mancanza di tale controllo determina la nullità del mandato alle liti, non rilevando che esso sia stato conferito con le modalità prescritte dal Regolamento o dallo Statuto dell’Università le quali sono fonti di rango...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.