POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - DOTT. A. GIUFFRÈ EDITORE S.p.A.

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 24 febbraio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

professione forense | 19 Ottobre 2017

Anche gli avvocati possono essere condannati per concorrenza sleale

di Fabio Valerini - Assegnista di ricerca in diritto processuale civile

La sentenza del Tribunale di Milano del 6 giugno 2017, n. 6359 ha avuto modo di innovare la tradizionale visione della concorrenza sleale applicandola ad una fattispecie singolare quanto ad applicazione giudiziaria: una concorrenza sleale posta in essere da due avvocati che erano usciti da uno studio legale cui appartenevano e avevano lavorato per qualche anno.

(Tribunale di Milano, sez. Impresa, sentenza n. 6359/17; depositata il 6 giugno)

La storia non farebbe notizia poiché rappresenta quanto normalmente avviene negli studi professionali: avvocati che decidono di lasciare lo studio dove hanno svolto l’attività per creare un proprio studio, avvocati associati che...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.