POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 12 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 18 Settembre 2017

Compensazione dei debiti fiscali degli avvocati: il Ministero ci ripensa e ammette anche gli studi

Con la circolare dello scorso 1 settembre 2017, il Ministero della Giustizia ha rettificato la precedente circolare datata 3 ottobre 2016, relativa all’ammissione alla procedura di compensazione dei debiti fiscali con crediti per spese, diritti e onorari spettanti agli avvocati del patrocinio a spese dello Stato dalla quale erano state escluse le fatture intestate a studi professionali associati.

La scelta del Ministero della Giustizia aveva suscitato le critiche del CNF che, con una nota firmata dal Presidente Mascherin, chiedeva un ripensamento sulla posizione assunta con la circolare 3 ottobre 2016 in tema di ammissione alla compensazione dei debiti fiscali con i crediti per spese, diritti e onorari spettanti agli avvocati del patrocinio a spese dello Stato, facoltà dalla quale erano stati esclusi gli studi professionali associati.

Compensazione per tutti. Il Ministero ha avviato un’apposita interlocuzione interna che ha portato alla conclusione dell’ammissione alla compensazione in parola di tutti gli avvocati anche ove esercenti la professione in forma associata o societaria.
Viene così sgombrato il campo da ogni profilo discriminatorio ed eliminata la disparità di trattamento tra il professionista individuale e quello associato, entrambi chiamati ad esercitare la difesa personalmente.



Qui la circolare del Ministero della Giustizia del 1° settembre 2017