Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie
anche di terze parti.


Modifica l'impostazione dei cookie

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 17 gennaio 2018
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
PROFESSIONE

spese di giustizia | 11 Settembre 2017

Lo strano caso di un avvocato d’ufficio “in cerca” del suo compenso e del condannato irreperibile

L’avvocato d’ufficio del condannato irreperibile è retribuito secondo le norme relative al patrocinio a spese dello Stato. Qualora l’irreperibilità non sia stata dichiarata con provvedimento formale, la corresponsione del compenso sottostà alla condizione che egli dimostri di avere esperito inutilmente le procedure per il recupero del credito professionale. Viceversa…

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, ordinanza n. 20967/17, depositata l’8 settembre)

… ove il patrocinato sia stato dichiarato irreperibile, il difensore d’ufficio non ha l’onere di effettuare ricerche di quest’ultimo per ottenere la liquidazione. Lo afferma la Corte di Cassazione con ordinanza n. 20967/17...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.