POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 27 febbraio 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

avvocati | 20 Dicembre 2016

Organismo Congressuale Forense: Antonio Rosa eletto coordinatore

È Antonio Rosa il primo coordinatore dell’Organismo Congressuale Forense. Nella giornata del 19 dicembre 2016 sono state infatti svolte le elezioni che hanno anche stabilito la composizione del nuovo organismo di rappresentanza dell’avvocatura.

Eletto il primo coordinatore. Dopo due mesi di attesa tra ricorsi e lotte interne, finalmente nella giornata del 19 dicembre 2016 è stato eletto Antonio Rosa come nuovo (e primo!) coordinatore dell’Organismo Congressuale Forense, organismo che, ricordiamo, è venuto alla luce a seguito del XXXIII Congresso Nazionale Forense di Rimini.
Oltre al coordinatore Rosa sono stati eletti segretario, Giovanni Malinconico; tesoriere, Sandro Vaccaro; e membri componenti, Armando Rossi e Vincenzo Ciraolo.
Dal segretario dell’Associazione Nazionale Forense Luigi Pansini i migliori auguri di buon lavoro ad Antonio Rosa: «Siamo certi che egli saprà portare l'attenzione del Governo sui temi al centro del dibattito forense, e che nel fare ciò vorrà avere un confronto continuo e proficuo con le principali associazioni forensi, che hanno al centro della loro azione i temi che investono la realtà dell'avvocatura italiana, ovvero la previdenza, la rappresentanza, il praticantato e la giovane avvocatura, nonché la giurisdizione e il sistema giustizia nei nostri paese, e vorrà prendere le distanze da chi oggi ritiene di essersi definitivamente 'liberato' delle associazioni forensi».