POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
venerdì 05 marzo 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 01 Dicembre 2016

Tra moglie e marito non mettere il dito… ma una sentenza si

di Alessandro Villa - Avvocato cassazionista

Se il motivo indicato nel ricorso per cassazione è fondato su una causa petendi differente dalle domande di merito svolte detto è inammissibile. Orbene nel caso in esame il ricorso deve essere dichiarato inammissibile in quanto nel giudizio di merito la parte istante aveva svolto una domanda tesa ad ottenere il pagamento di un compenso per l’attività di recupero crediti svolta mentre nel ricorso per cassazione si lamentava del fatto che la parte avesse incassato le spese senza poi restituirle all’avvocato.

(Corte di Cassazione, sez. II Civile, sentenza n. 24438/16; depositata il 30 novembre)

La fattispecie. Tra moglie e marito non mettere il dito…..ma una sentenza si. Nel caso in esame il marito aveva convenuto in giudizio la moglie chiedendo la condanna della stessa al pagamento di una somma relativa all’attività di...

Caro Lettore, per consultare questo documento è necessario essere abbonati. Abbonati subito e potrai accedere a tutti i contenuti del sito, se sei già registrato effettua il login.