POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
sabato 07 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 17 Ottobre 2016

Patrocinio a spese dello Stato: le indicazioni per la compensazione dei debiti fiscali

Il Ministero della Giustizia, con la circolare dello scorso 3 ottobre, fornisce indicazioni operative per l’attuazione delle disposizioni di cui al d.m. 15 luglio in tema di compensazione dei debiti fiscali con i crediti per spese, diritti e onorari spettanti agli avvocati del patrocinio a spese dello Stato. L’opzione per usufruire della compensazione potrà essere effettuata dal 17 ottobre al 30 novembre 2016.

Il d.m. 15 luglio 2016 ha introdotto la possibilità di portare a compensazione i crediti per spese, diritti e onorari spettanti agli avvocati del patrocinio a spese dello Stato con i debiti relativi ad imposte e tasse, compresa l’IVA, nonché con i contributi previdenziali per i dipendenti. Il Ministero della Giustizia, con la circolare 3 ottobre 2016, ha fornito alcune indicazioni operative per consentire il ricorso a tale facoltà.

Crediti ammessi alla compensazione. In particolare il documento ricorda che i crediti da portare in compensazione devono essere liquidati dall’autorità giudiziaria con decreto di pagamento ex art. 82 T.U.I.R. e non devono risultare, neppur parzialmente, pagati. Deve essere inoltre stata emessa fattura elettronica, mentre in caso di fattura cartacea questa dovrà essere registrata sulla piattaforma elettronica di certificazione dei crediti (PCC).
La piattaforma provvede alla selezione delle fatture per le quali è stata esercitata l’opzione, comunicando ai rispettivi creditori l’ammissione alla procedura di compensazione, per poi trasmettere all’Agenzia delle Entrate l’elenco dei crediti ammessi alla procedura, con il codice fiscale del relativo credito e l’importo utilizzabile in compensazione, entro cinque giorni dalla scadenza del termine per l’esercizio dell’opzione.

Esercizio dell’opzione. Per quest’anno l’opzione per poter usufruire della compensazione potrà essere effettuata dal 17 ottobre al 30 novembre. A partire dal 2017 invece il periodo a disposizione per l’opzione sarà compreso tra il 1° marzo e il 30 aprile.