POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
martedì 12 novembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 25 Luglio 2016

Gratuito patrocinio: è online il software del CNF per la liquidazione degli onorari

È online sul sito del CNF il software gratuito per generare in pdf l’istanza per la liquidazione degli onorari dei difensori di imputati ammessi al patrocinio a spese dello Stato.

La piattaforma online. È presente ora sul sito del Consiglio Nazionale Forense il software per calcolare i compensi degli avvocati ammessi al gratuito patrocino. Viene infatti data la possibilità agli avvocati di indicare in un apposito modulo i nominativi di legale e assistito, le imputazioni, la tipologia di processo, le udienze effettive e altri dati, per vedersi generare automaticamente in formato pdf l’istanza per la liquidazione degli onorari da parte del giudice.
La Commissione interna del CNF per le Difese D'Ufficio e il patrocinio a spese dello Stato ha elaborato, con l'auspicio che venga adottato, uno schema di Protocollo d'intesa su base nazionale per la liquidazione standardizzata degli onorari dei difensori dei soggetti ammessi al patrocinio a spese dello Stato. All’avvocato basterà cliccare sul link presente nel sito del CNF e compilare dunque l’istanza che dovrà contenere i dati, come detto sopra, relativi alle persone del legale e dell’imputato, insieme ai dati sul processo.

La compensazione crediti-debiti. Ricordiamo infine che con la legge di stabilità per il 2016 – la l. n. 208/15 – il legislatore ha riconosciuto la possibilità per gli avvocati di essere ammessi alla compensazione dei crediti vantati nei confronti dello Stato con quanto dovuto per ogni imposta e tassa, compresa l’imposta sul valore aggiunto, ed i contributi previdenziali per i dipendenti mediante cessione, anche parziale, di tali crediti.