POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
mercoledì 11 dicembre 2019
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

avvocati | 08 Luglio 2016

Ordine degli avvocati di Bologna: linee guida per gratuito patrocinio

Pubblicato sul sito dell’Ordine degli avvocati di Bologna il regolamento sui requisiti di ammissione delle istanze di ammissione al patrocinio a spese dello Stato in materia civile e tributaria.

Il reddito. Il Consiglio dell'Ordine degli Avvocati di Bologna, con circolare n. 84 del 5 luglio 2016, ha redatto un Regolamento ad hoc contenente alcune indicazioni, aventi ad oggetto la normativa e le prassi seguite ormai da tempo, sul patrocinio a spese dello Stato in materia civile e tributaria. In particolare, l’Ordine fornisce indicazione in merito al reddito da considerare che è quello lordo dell'intero nucleo familiare convivente, nel quale vanno conteggiati anche i redditi non soggetti a Irpef o soggetti a ritenuta alla fonte o ad imposta sostitutiva.

La documentazione. Per quanto concerne la documentazione, invece, si sottolinea la necessità di allegare ogni documento che sia utile alla valutazione della non manifesta infondatezza della pretesa e della ricorrenza delle condizioni di reddito, come ad esempio, documentazione medico-legale, atti o provvedimenti antecedenti.

Tipologia di azione e qualificazione giuridica. Ancora per quanto attiene alla tipologia, l’Ordine prega i colleghi di specificare sempre l'azione che i loro assistiti vogliono proporre, con l'indicazione dell'organo giudiziario competente.

La sottoscrizione dell’istante. Infine, indicazioni in merito alla sottoscrizione dell’istante: l'istanza va infatti sottoscritta personalmente dall'istante, del quale devono essere prodotti documento di identità, eventuale permesso di soggiorno, certificato di stato di famiglia o autocertificazione. Il difensore autentica la firma dell'istante sulla domanda, ma non può certificare la firma delle autocertificazioni eventualmente allegate.



Qui il testo integrale del Regolamento