POLITICA SULL'UTILIZZO DEI COOKIE - GIUFFRE' FRANCIS LEFEBVRE SPA

Questo sito utilizza cookie di profilazione di prima parte per offrirti un miglior servizio e per trasmetterti comunicazioni in linea con le attività svolte durante la navigazione. Puoi impedire l'utilizzo di tutti i Cookie del sito cliccando MAGGIORI INFORMAZIONI oppure puoi acconsentire all'archiviazione di tutti quelli previsti dal sito cliccando su ACCONSENTI.

Continuando la navigazione del sito l'utente acconsente in ogni caso all'archiviazione degli stessi.


> Maggiori informazioni

Acconsenti

Abbonamento scaduto
Abbonamento inattivo
Numero massimo utenti raggiunto
Utente non in CRM
Manutenzione
lunedì 19 aprile 2021
Accedi   |   Contatti   |   Newsletter   |   Abbonamenti    Feed RSS
Notizie a cura di La Stampa.it |
PROFESSIONE

compenso avvocati | 14 Giugno 2016

Mascherin: urge l’adozione di un Protocollo per uniformare le liquidazioni dei difensori d’ufficio

Andrea Mascherin, Presidente del Consiglio Nazionale Forense, ha trasmesso ai presidenti dei consigli dell’Ordine degli avvocati ed al Presidente della Cassa Forense, la Circolare n. 3 – C – 2016, avente ad oggetto lo schema del “Protocollo d’intesa su base nazionale per la liquidazione standardizzata degli onorari dei difensori dei soggetti ammessi al patrocinio a spese dello stato, degli imputati dichiarati irreperibili, nonché dei c.d. insolvibili” - elaborato dalla Commissione interna al Consiglio Nazionale Forense per le Difese d’Ufficio e il patrocinio a spese dello Stato -, con l’auspicio che venga adottato, tramite accordi con l’Autorità giudiziaria, possibilmente a livello distrettuale, al fine di uniformare le liquidazioni su tutto il territorio nazionale.

La liquidazione standardizzata degli onorari. Il CNF, considerato che il D.M. n. 55/2014 prevede ampi margini di discrezionalità nei criteri e nella quantificazione dei compensi professionali e che è pertanto utile individuare parametri standardizzati di liquidazione dei compensi, per rendere effettiva, rapida e agevole la loro determinazione e per ridurre il numero delle opposizioni nel settore delle liquidazioni poste a carico dell’Erario e che i valori minimi previsti dallo stesso non possono essere decurtati ulteriormente se non in casi eccezionali, ha sollecitato, con la Circolare n. 3 – C - 2016, la necessità ad adottare, in tutti i Fori, una tabella di liquidazione standardizzata che preveda diverse ipotesi base – correlate alle varie tipologie processuali – con fattori correttivi da applicare nei casi in cui ricorrano talune fattispecie peculiari.

La richiesta di liquidazione. Secondo il Protocollo, nei casi in cui il difensore (sia dell’imputato che della parte civile) formuli la richiesta di liquidazione aderendo al presente Protocollo, l’istanza di liquidazione potrà anche essere depositata in udienza, prima che l’Autorità Giudiziaria si ritiri in camera di consiglio o riservi la decisione.



Qui la Circolare n. 3 –C – 2016 del Consiglio Nazionale Forense, dell’8 giugno 2016